Please enable JS

Aree di ricerca / Agrovoltaico

Strategie Ambientali: L’agrovoltaico

Nel settembre del 2015 l’ONU ha adottato un Piano mondiale per la sostenibilità denominato Agenda 2030 che prevede 17 linee di azione, tra le quali è presente anche l’utilizzo di impianti agrovoltaici per la produzione di energia rinnovabile.
L’Unione europea ha recepito immediatamente l’Agenda 2030, obbligando gli Stati membri ada adeguarsi a quanto stabilito dall’ONU.
Il 10 novembre 2017, in Italia, è stata approvata la SEN 2030, Strategia Energetica Nazionale fino al 2030. Con-tiene obiettivi più ambiziosi dell’agenda ONU 2030, in particolare:

  • 30 GW di nuovo fotovoltaico;
  • Riduzione emissioni di CO2;
  • Sviluppo tecnologie innovative per la sostenibilità.

Inoltre, nel 2020 il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), ha adottato il Piano Piano nazionale Nazionale integrato Integrato energia Energia e clima Clima (PNIEC), che consiste in uno strumento fondamentale per cambiare la politica energetica e ambientale del nostro Paese verso la decarbonizzazione.
Tale piano ha previsto la produzione di 35 GW di fotovoltaico entro il 2030 e sarebbero sufficienti 50mila 50.000 ettari, pari più o meno ai due quinti dei terreni abbandonati ogni anno dagli agricoltori.
Con il termine AgroPhotoVoltaic (abbreviato APV) si indica un settore, ancora poco diffuso, caratterizzato da un utilizzo "ibrido" dei terreni agricoli tra produzione agricola e produzione di energia elettrica attraverso l'installazione, sullo stesso terreno, di impianti fotovoltaici. La cosiddetta "generazione distribuita", infatti, non potrà fare a meno, per molte ragioni, di impianti "su scala di utilità" che occupano nuovi terreni oggi dedicati all'agricoltura per una parte.
Per essere possibile, devono essere adottati nuovi criteri di progettazione impiantistica, utilizzando criteri e modalità di gestione completamente nuovi per il nuovo settore APV.
Esempi del passato di questo tipo di settore sono le “serre fotovoltaiche” nate non per esigenze agricole, ma per creare un supporto di moduli fotovoltaici da collocare su un terreno su cui, altrimenti, non sarebbe stato possibile installare impianti. Ora è necessario trovare la produzione agricola ed elettrica in nuovi sistemi sostenibili e che rientrino in un contesto di Industria 4.0.

La SEA Tuscia, si occupa di eseguire:

  • Un supporto tecnico-scientifico per le Aziende che si occupano di FV al fine di individuare le migliori soluzione, per unire design impiantistico con le possibili colture agricole utilizzabili.
  • Valutazioni di soluzioni miste tra agricoltura e zootecnia, con particolare riferimento all’apicoltura.
  • Studi di fattibilità per la realizzazione di relazioni tecnico-scientifico integrative alle relazioni standard ai fini autorizzativi.
  • Realizzazione di prove sperimentali in campo o in laboratorio.
  • Realizzazione di progetti di R&S su base agro-voltaico con possibile richiesta del Credito di Imposta.

Per maggiori informazioni contattateci

SEA Tuscia Srl

Spin off accademico
dell'Università della Tuscia

Email: info@seatuscia.com
P.IVA: 01902580560
Privacy

Sede di Viterbo

Via San Camillo de Lellis, snc
01100 Viterbo ITALIA

Sede di Roma

Piazza Fernando de Lucia, 37
00139 Roma ITALIA

Sede di Córdoba

Santiago del Estero 1071
(X5900ATA) Villa María - Córdoba ARGENTINA

Sede di New York

10-76 Jackson Ave, Long Island City
NY 11101, Stati Uniti USA
©2021 SEA TUSCIA SRL. All rights reserved. P.IVA: 01902580560

Caricamento...